Una fotografia dell’auto in Italia secondo l’Istat

SVETTA LA LOMBARDIA – Le vendite di auto nuove in Italia cresceranno nel 2017 per il quarto anno consecutivo e sfioreranno quota 2 milioni di esemplari. Una conseguenza del fenomeno è la crescita del numero di veicoli già su strada, il cosiddetto parco circolante, aumentato nel 2016 rispetto all’anno precedente: al 31 dicembre 2016 si contavano 42.862.046 veicoli, la maggior parte dei quali erano autovetture (l’88,4%) e il resto veicoli da lavoro (11%) o autobus (0,2%). Il bilancio arriva dal rapporto Istat (Istituto nazionale di statistica) riferito al 2016 che, come ogni anno, pubblica un’ampia ricerca sul nostro Paese e fotografa la situazione in vari ambiti, dai consumi dei cittadini, all’aspettativa di vita fino all’impegno politico. Dall’indagine è emerso inoltre che il 15,8% di tutte le automobili si trova in Lombardia, Regione che “guida” questa classifica davanti al Lazio (9,9%) e alla Campania (8,9%).

MEZZI PUBBLICI POCO UTILIZZATI – L’automobile è il mezzo di trasporto più utilizzato dagli italiani per spostamenti di studio o lavoro, frangenti nei quali viene preferita ai motocicli, alla bicicletta o ai mezzi pubblici: il 68,9% dei lavoratori e il 37,3% degli studenti salgono a bordo di una vettura quotidianamente per raggiungere le rispettive destinazioni. Il rapporto dell’Istat conferma inoltre la preferenza degli italiani verso i mezzi di trasporto privati, che “surclassano” quelli pubblici, utilizzati almeno una volta l’anno scorso nel comune di residenza dal 24,4% delle persone con almeno 14 anni. Questo nonostante più della metà degli utenti abbia giudicato soddisfacente il servizio in termini di frequenza e puntualità delle corse. Il maggior gradimento è stato espresso dagli abitanti del Nord Ovest, mentre si sono dichiarati maggiormente insoddisfatti gli abitanti del Sud, delle Isole e delle aree metropolitane.

Postato il 13 gennaio

Compila i campi per ricevere maggiori informazioni e per rimanere aggiornato con le nostre promozioni

I campi contrassegnati con * sono obbligatori.

informativa sulla privacy
Condividi