Multe auto, se non pagate ci sarà il prelievo sul conto corrente

C’è una novità piuttosto importante per chi si “dimentica” di saldare una sanzione. Sì, proprio le multe non pagate: dal 1° luglio sarà possibile il prelievo diretto dal conto corrente.

Non è una minaccia, ma un provvedimento duro, invasivo: per aggirare imilioni di furbi. Diventarà operativo il pignoramento del conto corrente di chi non ha pagato e seguirà il prelievo diretto dal conto della somma da saldare. Soprattutto tale procedimento non avrà necessità del benestare di un giudice.

Perchè? L’Agenzia delle Entrate avrà pieno potere intervenire sul conto corrente. Per le multe, e per le cartelle non pagate. Ovvero tasse, bollo auto, contributi INPS. Questo cambiamento avviene perchè Equitalia, deputata all’eventuale recupero, confluirà dal 1° luglio nell’Agenzia delle Entrate che diventerà anche riscossore.

La fusione permtterà a Equidtalia di accedere alle varie banche dati in possesso del Fisco e di poter quindi vedere anche le somme sui conti correnti di di tutti i contribuenti.

Un bel salto, ma il prelievo non sarà immediato. Il moroso riceverà avvisi e solleciti di pagamento e avrà 60 giorni per mettersi in regola. Trascorso il termine la “scure” dovrebbe calare. Giustamente, aggiungiamo.

Postato il 29 luglio

Compila i campi per ricevere maggiori informazioni e per rimanere aggiornato con le nostre promozioni

I campi contrassegnati con * sono obbligatori.

informativa sulla privacy
Condividi