E’ ufficiale, dal 2018 arriva la carta di circolazione unica

Di unire il PRA e la Motorizzazione se ne parla da decenni, anche perché si tratta di una situazione unica in Europa. I due enti, entrambi pubblici ma differente gestione – il PRA è responsabilità dell’ACI e mentre la Motorizzazione fa riferimento al Ministero dei Trasporti – sono deputati a produrre rispettivamente il certificato di proprietà e il libretto di circolazione. Dal 1° luglio 2018 non sarà più così, perché diventerà operativa la cosiddetta “Carta di circolazione unica”.
Lo ha comunicato il Consiglio dei ministri che, su proposta della Ministro per la semplificazione e la pubblica amministrazione Maria Anna Madia, ha approvato in esame definitivo il decreto legislativo di attuazione della legge di riforma della pubblica amministrazione che istituisce il documento unico di circolazione degli autoveicoli motoveicoli e rimorchi dall’1 luglio 2018. Ovviamente fino all’1 luglio 2018, continueranno a esistere gli stessi due documenti che ci sono sempre stati finora.
In questo modo la nuova “Carta di circolazione” sostituirà i due documenti attuali: il certificato di proprietà del veicolo e il libretto di circolazione consentendo di ottimizzare i costi di produzione, archiviazione e controllo a carico dell’amministrazione. A questo unico documento corrisponderà una tariffa unica, che sostituirà i diritti di Motorizzazione e gli emolumenti per l’iscrizione o la trascrizione di ogni veicolo al PRA.

Postato il 29 luglio

Richiedi maggiori informazioni

Compila i campi per ricevere maggiori informazioni e per rimanere aggiornato con le nostre promozioni

I campi contrassegnati con * sono obbligatori.

informativa sulla privacy
Condividi